Bike Hotel

Bike Hotel a Riolo Terme

I ciclisti da noi sono i benvenuti ecco i servizi che offriamo:

  • colazione rafforzata
  • Wi-Fi gratuito
  • deposito biciclette
  • possibilità di mantenere la propria bici nelle camere assegnate
  • cartine su itinerari
  • possibilità di guide su richiesta
  • possibilità di recupero bici
  • n. 2 piazzole per la pulizia della bicicletta
  • angolo per piccole riparazioni
  • sala fitness
  • merenda al rientro

Alla scoperta del Parco Vena del Gesso

Parco Vena del Gesso – itinerari da scoprire con la bicicletta:

Alla scoperta del parco Vena del Gesso, in bici o facendo trekking, luoghi incantevoli!

Richiedeteci tutto il materiale informativo sulla zona e sugli itinerari saremo a vostra disposizione con cartine, flyer informativi e molto altro.

Ecco alcuni dei luoghi da non perdere!
Iniziamo il percorso subito dopo la stazione ferroviaria di Brisighella, risalendo la valle Lamone, qui la strada curva bruscamente a sinistra. Qui incontriamo la deviazione che porta in salita alla rocca (vari cartelli fra i quali quelli per Zattaglia, Riolo Terme e la grotta la Tanaccia);
la prendiamo.
Dopo alcuni tornanti ci lasciamo a destra la fortezza individuando la stretta stradina a sinistra per il santuario Monticino; seguiamo e parcheggiamo in un apposito spazio grande a destra.
Da qui a piedi raggiungiamo in breve la cava del Monticino.
Cava del Monticino
La strada sterrata permette di vedere la valle cieca della tana della Volpe, mantenendosi alla sinistra in pochi minuti si raggiunge la cava.
Si riconosce alcuni delgi strati gessosi che compongono la Vena, in alcuni tratti è stato scoperto un giacimento paleontologico di eccezionale ricchezza: le ossa fossili recuperate
appartengono a decine di specie di vertebrati terrestri vissuti alla fine del Messiniano.
Percorrendo la strada principale è facilmente riconoscibile a sinistra la grande dolina della tana della Volpe.

Tana della Volpe
Questa valle è molto caratteristica: guardandola attentamente ci si rende conto che la valle è cieca non ha via di sbocco, una grande dolina nel cui punto più basso troviamo l’ingresso della grotta.
Terreno recintato poichè zona priva, l’acqua scompare nel sottosuolo è fangosa e pericolosa a causa della presenza di un pozzo e cielo aperto e di profonde buche, sconsigliamo
l’avventurarsi all’interno.
Proseguendo la strada dopo aver passato un paio di tornanti ci troviamo sul crinale, il panorama è mozzafiato si intravedono i calanchi.
Possiamo parcheggiare e scendendo per qualche metro davanti a un boschetto si nasconode la dolina del buco del Noce

Buco del Noce
L’ingresso della grotta si raggiunge facilmente: trova alla base della parete rocciosa verticale che delimita in parte la piccola dolina ed esiste un sentierino battuto che vi conduce.
Peculiarità di questa grotta il fatto che in pratica si tratta semplicemente di un imponente salone formatosi in un’area di contatto fra due banchi gessosi. Vi si trova inoltre uno stretto
meandro alto al massimo un metro e lungo una quindicina che utilizziamo per consentire a speleologi alle prime armi di fare un poco di esperienza in ambienti angusti.

Proseguiamo la nostra corsa fino alla terza piazzola a destra parcheggiamo e ci avventuriamo per trovare la Grotta Rosa-Saviotti:
Qui attraversando la strada salendo sull’argine troviamo sotto di noi, profonda, cupa, selvaggia, la dolina della grotta Rosa-Saviotti; se la si rasenta a sinistra è facile individuare il sentiero
che inoltrandosi nella fitta macchia ne raggiunge il fondo.
Dirigendosi invece a destra è possibile inerpicarsi sul colle (tracce di passaggio); il pendio è a tratti ripido e un poco scivoloso, ma bastano un paio di minuti di fatica
per arrivare ad un bivio: 100 metri a sinistra, in piano, e siamo sul sentiero di crinale che congiunge Brisighella alla zona del monte di Rontana (descritto in seguito), nel punto in cui si trova, subito a destra e protetto malamente da una recinzione in parte abbattuta, il pozzo d’ingresso dell’abisso Casella.
Retrocediamo fino al bivio, quindi proseguiamo brevemente in salita lungo il percorso principale e sarà semplice riconoscere l’elegante, insidiosa dolina dell’abisso Acquaviva.
Grotta Rosa-Saviotti

Abisso Acquaviva
La dolina è molto bella, delimitata da un’alta parete rocciosa alla cui base arriva un ripido pendio argilloso.
E’ interessante vederla dall’alto, magari girarle attorno per poter meglio apprezzare la sua eleganza ed il particolare ambiente che la circonda.

Ciclovia dei Gessi

Ciclovia dei Gessi

La Ciclovia dei Gessi si inserisce in un progetto più ampio di itinerari ciclabili nelle aree protette dell’Emilia Romagna “Ciclovie dei Parchi”

Il percorso è ad anello ed ha una lunghezza di circa 30 km, per una durata di una giornata intera.

E’ possibile anche optare solo per il primo anello di 21 km, per una durata di mezza giornata

Dislivello: 900 m  complessivi

Itineriario:

Da Riolo Terme, sfiorando la Rocca e il Santuario del Monticino; da quest’ultimo si stacca una spettacolare deviazione, più impegnativa e fattibile solo con terreno asciutto, che attraversa tutto il “Museo geologico all’aperto del Monticino”, realizzato nell’enorme trincea di una cava abbandonata; altrimenti si tiene la provinciale fino a Case Varnello, oltre le quali si volta per la comunale via Rontana e, poco dopo, per il centro visite Ca’ Carnè. L’ambiente si fa più forestale e carsico, con affioramenti di gesso che presentano magnifiche erosioni. Da Ca’ Carnè si sale all’asfaltata, ora un po’ distante dall’affioramento gessoso, per raggiungere il passo della Valletta, da cui si scende velocemente a Zattaglia. Qui si può intraprendere un secondo anello che aggira Monte Mauro, vetta principale della Vena del Gesso e zona carsica di selvaggia suggestione. Nel versante nord si attraversa anche una fascia di argille con testimonianze della velleitaria opera di bonifica tentata nel Ventennio. Ridiscesi al fondovalle Sintria, si va a tagliare il promontorio gessoso del “passo del Gatto”, attraversando l’ennesima zona di doline e boschetti carsici e sbucando infine sulla provinciale Riolo-Brisighella.

Parco Vena del Gesso

in collaborazione con:

Il tuo BikeHotel a Riolo Terme

Per preventivi info@hotelsenio.it oppure chiamaci 0546 71154

Il nostro Staff sarà a tua disposizione